Seleziona una pagina

Introduction to Mindfulness

 

Lorenza Corti

 

February 2020

Italian version below

References

 

The term mindfulness, in western cultures, indicates a meditative practice and, more generally, a certain attitude, centered on awareness, in carrying out daily activities and even a personality trait. We sometimes hear “I practice mindfulness” meaning that we practice meditation; or “I eat mindfully” or “I walk mindfully”  to indicate a certain attitude in carrying out activities in ordinary life; or finally “I’m mindful” to indicate a personality trait. This means that in the common sense diffused in the West, mindfulness consists of a twofold aspect: the psychological aspect linked to a way of being, and the practical aspect linked to meditation. But, with a more detailed study of the specific literature, we can discover that by “mindfulness” we mean more properly a faculty of the mind linked to awareness rather than a meditative practice, which serves to develop this faculty. To indicate the meditative practice we can use the term “mindfulness meditation”.

Mindfulness and mindfulness meditation have come to the West in several ways. Already in 800’s some western scholars, thanks to colonial policies regarding Asia, became interested in the study of Asian cultures and religions and in particular in the study of Buddhism. The word mindfulness is the translation of the word Pāli, sati. It was Thomas W. Rhys Davids (1843-1922), orientalist and founder of the Pāli Text Society who, in the translation to English of ancient Buddhist texts written in the Pāli language, first used the term “mindfulness” to translate the word sati (Gethin, 2011). Indeed mindfulness, in English, means remembering rather than being aware, for the latter concept the word awareness can be used more properly. However, the aspect of remembering in the term mindfulness properly describes the attitude of sati which is to remind us to be aware of what is in the present moment, letting go of everything that our mind evokes from the past and foresees of the future.

Mindfulness is therefore an awareness-based faculty of the mind that we can activate through bringing attention to the process of psychological and body experiences as they take place moment by moment. The object, to which we pay attention and then become aware of, is the body and, when we advance in the practice, the emotions and the mind itself. Beginners are urged to pay attention to the breath and sensations that arise in the body and then to the body and its various parts in order to distinguish sensations such as heat, tingling, or tension. A further step in the path of this practice is the addition of observing the tone of our sensations: their pleasantness or unpleasantness, or their neutrality. As the meditative practice progresses, one begins to turn to the states of mind, emotions and contents of the mind, thoughts and images.

The mindfulness awareness needs to be awakened in a mind that is in a state characterized by certain qualities. These must be developed through the practice itself and through an appropriate way of life. We will then try to cultivate a mind that is: open because it desires to observe everything there is to observe; receptive because it wants to welcome everything there is to welcome; lucid because it wants to observe the experience of the present moment with precision and clarity; intuitive because it does not want to give space to the rational discursiveness of thoughts that distract us from detecting things as they really are; non-judgmental because it does not want to interact with what it observes while remaining impartial both towards what is pleasant and what it is unpleasant; empathic because it wants to meet with kindness what it observes; stable because it does not want to waste energy in ineffective distractions; wise because it wants to discriminate what is healthy for us from what is not. In addition to these very important aspects, we can predispose ourselves to support our practice by being patient, dedicated, committed and at the same time cultivating an ardent soul, motivated with passion to follow the path of spiritual development, slowly making room for curiosity that pushes us towards that continuous and constant observation of reality as it is.

In addition to assuming these qualities, awareness needs to work along with other faculties of the mind. We have already mentioned the role of attention that is necessary for selecting what we want to become aware of. In addition to this attentional aspect, it is necessary to add a cognitive aspect. Mindful awareness hopes to investigate the phenomena it observes and tries to understand their nature. According to the Buddhist view, the nature of all phenomena is characterized by their changing nature and impermanence and all those who think that they are agents who condition and control these phenomena are living an illusion because their nature, of agents, is without substance. Being able to experience the intuitive rather than rational knowledge of these two aspects leads to liberation from suffering. Without this cognitive aspect, the practice of mindfulness meditation will certainly bring benefits such as greater calm and concentration, but it will not bring transformative benefits capable of reducing our afflictions.

 

Looking for a definition

The existing literature that deals with mindfulness is quite heterogeneous. We move from Buddhist literature to western scientific literature through a continuum of contributions. Modern Buddhist literature is dedicated to elaborating and commenting on ancient Buddhist texts. On the contrary, western scientific literature searches to demonstrate  the action of mindfulness on the mind in the psychological context and on the brain in the neurological context through experimental studies. This approach has often stripped away the wealth contained in the ancient Buddhist teachings but at the same time in some ways, see Kabat-Zinn, (2011) for an example , it has allowed the integration of mindfulness into the Western culture. There are many scholars who urge greater integration between the ancient Buddhist tradition and Western science, for example Van Gordon and Shonin (Van Gordon et al., 2015). This would bring greater completeness and depth to the interventions on mindfulness utilized in the West in various contexts such as that of well-being, education and business.

Looking at the existing literature, it is clear that there is no single, shared definition of mindfulness. There are several recent works in literature that have highlighted this lack, for example (Bodhi, 2011; Chiesa, 2013; Lutz et al., 2015). They have stressed that the difficulty derives from the fact that the meaning and operationality of mindfulness was borrowed from often inconsistent (non coherent)  teachings belonging to a culture far from ours and, moreover, expressed in a language difficult to translate. In this transfer and translation process, something has often been lost and confusion has arisen. By searching here and there in the literature, it is possible to trace different definitions that somehow overlap and complement each other. Here are some of them (for a more exhaustive list see (Khoury et al., 2017).

Here are two definitions by contemporary Buddhist masters: mindfulness is “memory and lucid awareness of present happenings ” by the scholar monk Theravada Bhikkhu Bodhi (Bodhi, 2011, p. 25) and also mindfulness is ” keeping one’s consciousness alive on the present reality” by Zen master Thich Nhat Hanh (Hanh, 1992a, p. 11).

Mindfulness is ” the awareness that emerges through paying attention on purpose, in the present moment, and non-judgmentally to the unfolding of experiences moment by moment” by Jon Kabat-Zinn, inventor of the MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction) protocol introduced in late 70s (Kabat ‐ Zinn, 2003, p. 145). Another known definition is that of the psychologists Brown and Ryan: mindfulness is “a receptive attention to and awareness of present moment events and experiences” then adding that “it is characterized by qualities including receptivity, clarity, stability / continuity, flexibility and non-conceptual awareness “(Brown et al., 2007, p. 112).

Finally another interesting definition comes from the psychologist Ellen Langer of Harvard University who introduced a “secular” theory on mindfulness without reference to Buddhism: mindfulness is “the creation of new categories, the opening to new information, and the awareness of multiple perspectives “(Langer & Moldoveanu, 2000, p. 2).

From these definitions we can deduce different aspects that characterize mindfulness that I have already described above. We note that there is always a reference to attention. This is a faculty of the mind that serves to select the object to which the other cognitive activities of the mind are directed. For example, if I have to solve a math problem I pay attention to its formulation so as to allow rational cognitive thinking to perform the calculations necessary to solve the problem. Well this faculty of mind is necessary for mindfulness because it prepares the ground for its establishment. By paying attention to the breath, for example, I prepare the mind to be collected, calm, malleable and, in doing so, I let awareness observe what there is to observe, in this case the breath. Attention allows awareness to meet the breath and stay in touch with it. Another aspect that emerges from the definitions is the reference to the present moment, to the much quoted “here and now”. Because it is only in the present moment that we can observe what is really inside or outside of us. Every time we turn to the past or the future we let our interpretation alter our vision of things because we can be in the past or in the future only through our mind that remembers or imagines. On the contrary, we try with mindful awareness to observe things for those who are really coming into contact with them in the most direct and immediate way possible and as free as possible from any interpretation conditioned by the attraction and repulsion it generates in us in contact with experience of things.

In addition to what I have described above, other aspects related to mindfulness are described in contemporary Buddhist literature and are often overlooked in western contexts should be added (Church, 2013; Gethin, 2011; Lomas, 2017). Mindfulness is the translation of the term Pāli sati which, in ancient Buddhist texts, is embedded in a complex semantic structure. Its meaning is iridescent and in addition this term is accompanied by others that enrich its meaning. We get in touch with the “object” of meditative contemplation thanks to the attention, we observe it with awareness and then we investigate it and understand it for what it really is. Linked to these cognitive aspects there are aspects concerning ethics that should shape our behaviors, allowing us to make the meditative practice effective and supporting us on the path to liberation from suffering. These aspects give mindfulness a quality of wisdom: mindfulness seeks to recognize, through investigation and discernment, what is healthy for us and what is not. The ethical aspect of mindfulness has been neglected in the West both in the clinical and non-clinical contexts of well-being where the emphasis falls on aspects aimed at improving mental performance rather than those that favor an individual’s transformational process towards liberation from suffering.

 

How to practice

The faculty of the mind that we have called mindfulness is trained with meditative practice. The instructions to follow such training derive from a practice developed in Buddhism. In two fundamental speeches transcribed in the Pāli language, Anapanasati Sutta (Hanh, 1994; Sucitto, 2000, 2002), and Satipatthana Sutta (Anālayo, 2018; Goldstein, 2016; Hanh, 1992b), Buddha describes a meditative practice which consists in intentionally orienting in the present moment the attention towards what we can perceive in our body (heat, pain, vibrations, …), towards the type of sensations (pleasant, unpleasant and neutral) generated by the perceptions observed in the body, towards the states of mind (mental numbness, clarity, agitation …), and towards the “mental objects” (discursive thoughts, concepts, images ….). Mindfulness meditative practice consists in closing one’s eyes and dedicating a certain period of time paying attention initially to one’s natural breath and the sensations it generates in the body (Hanh, 1992a; Kabat-Zinn, 1997). During the practice we assume a comfortable position while ensuring that the back is straight, we can choose to sit cross-legged on a cushion on the ground, or in a chair for an easier position. Breathing is a simple and powerful way to train our ability to pay a focused attention on something and to be aware of the processes, in this case related to breathing, which take place over time. When the attention and awareness of breathing has been stabilized, we can move on to examine the body by observing the sensations that are encountered as we go through the various parts of the body, such as the thermal sensations of heat or cold and the mechanical sensations of tensions, tingling, vibrations. We can observe one part of the body at a time using focused attention or widen the field of observation to the whole body, the body that breathes. As the practice progresses and with the acquisition of a certain mastery, we can commit ourselves to detecting the tone of the sensations that we encounter in the body, whether pleasant, unpleasant or neutral, being able to recognize the intention that arises to hold back what we like, to remove what we don’t like and remain indifferent to what we perceive as neutral. Finally, we can move on to examining the mind. In this case it will happen that awareness, the faculty of the mind, observes the mind itself. This can lead to some loss because we are not used to observing our own mind. But what will we observe of our mind? First of all awareness itself, thanks to the ability we have to be aware of being aware. Thanks again to our meta-cognitive abilities, we will be able to observe the quality of our mental state – maybe there is sleepiness, maybe there is distraction, maybe there is calm – and then, including the affective aspects, we will be able to ask ourselves “how do I feel ? ”, and wait for a response that describes the mood that dwells in us at the present moment. There is a difference between mental state and emotional state even if the place of emotions is still the mind, but a mind that is a “mind-heart”. Once we have investigated the scenario of being, we can turn to the contents of the mind and therefore to the thoughts, images, memories, intentions, and again to the emotions that cross the observation field of awareness. We observe their changeability and impermanence and their existence independent of our will. Therefore, it may happen that we take a step backwards observing what gradually arises in the mind as if it were disconnected from ourselves and this may appease us, easing the grip of our afflictions.

When we intentionally meditate on the breath, body, mind and contents of the mind, attention is focused on a specific delimited field. In this case, when thoughts, images, memories and in general any mental formations arise, and this is inevitable, attention must be brought back to the meditative object, in a gentle way, trying not to judge oneself for being distracted. Even when the distraction derives from emotions that arise unexpectedly or are already present from the beginning of the practice, we can try to become witnesses who observe how they arise, develop and cease, who capture their nuances, their changes and embodiment in the form of bodily sensations. We will therefore try to accept  these distractions in a non-judgmental and equanimous way and whenever possible we will return to pay attention to the sensations connected to the breath or to the other objects that we have chosen to observe. The mental formations that arise during meditative practice distract the mind from focusing on the object we are contemplating in meditation, for example breathing, and, to return to the object of focus, it is necessary to perform three steps: the first is to be aware that we are distracted, the second is to “let go” of what distracted us, the third is to re-orienting the focus on the meditative object. The numerous repetitions of this cyclical process experienced during meditative practice “train” the attentional ability to stay focused on a defined object and the ability to monitor the external events and mental formations that occur in the present moment, with non-judgmental and equanimous acceptance (Lutz , Slagter., Dunne, & Davidson, 2008). The meditation practice consists precisely in reorienting countless times to our breathing or physical sensations or, in general, to the object of meditation. This training develops immediate benefits such as the ability to regulate attention and emotions and an increase in awareness. Furthermore, during meditation we will be able to experience pacifying and calming “absorption states” which naturally generate psychological well-being even when we leave the formal practice to live daily life, managing to be more helpful, more patient, more welcoming.

There is a version of formal practice which consists of the so-called “mindful walk”, cankama in the Pāli language. In this practice, considered very powerful by the Buddhist meditative tradition, attention is paid to the sensations generated by the movement of the feet and by their contact with the ground during the walk. In this case we will try to apply to the movement of the feet, the same attentional focus that we try to apply to breathing in the “sitting practice”. The benefits of cankama are linked to the fact that in this case we pay attention to an ordinary activity such as walking and this trains us to bring mindfulness into the activities of daily living.

In addition to the practice that focuses on a specific object such as breathing – which is called FA (Focus Attention) – there is the possibility of expanding the field of observation of awareness by opening ourselves to everything that comes to our attention. In literature this modality, complementary to the FA, is called Open Monitoring – OM (Lutz et al., 2008; Tang et al., 2015). OM includes everything that reaches consciousness, without however retaining or rejecting anything, following an equanimous way of observing. It is as if we were observing a film in which, independently of our will, things happen, there will be images, thoughts, sensations, sounds that follow one another without being intentionally detained or hunted. However, we can observe the reactions that this film internally generates in us, there will be emotions and physical sensations that perhaps will encourage us to keep something or move something else away. So, in this more or less wide field of observation, we can also include our reactions, our tendencies, our emotions…. everything will flow in the flow of our consciousness and we will observe it. OM can be a more complex way to practice than FA because we could easily experience a feeling of loss by finding ourselves immersed in a torrent of continuous and entropic consciousness that laps our being.

Mindfulness can be done through formal meditation and through conscious daily living. In the second case, it will be a matter of paying attention and giving awareness to daily activities, such as eating when we are eating, taking a shower when we are taking a shower. We can carry out each activity in mindful awareness in a way that is placed on a continuum between FA and OM. I can wash the vegetables before cooking by paying attention only to this action or I can gradually include something else such as the emotions I feel at this moment, the thoughts that pass through the mind or the sound of water. There are therefore moments of formal practice where we sit on a cushion or walk meditating and moments of “informal” practice that require a certain type of attitude towards the activities of life. This dual level of practice corresponds to the use of the terms: “mindfulness state” and “mindfulness trait” of the personality. When people engage in mindfulness training it is assumed that their ability to be aware during meditation practice increases and therefore it makes sense to detect the “state of mindfulness” which presumably tends to increase over time. Furthermore, it is assumed that the results of this repeated practice over time translate into something more stable which concerns the predisposition to be aware in everyday life, that is, to develop a “mindfulness trait” of the personality. In other words, when individuals generate deeper states of awareness during meditation, they develop a greater tendency to show mental attitudes and behaviors even outside of meditation, in the context of everyday life. And this has shown to be beneficial to psychological health by giving different benefits as I will describe in the next paragraph.

 

The benefits

Many contributions found in western scientific literature have investigated the benefits obtained from the use of mindfulness meditation practice and, more generally, of a mindfulness lifestyle (Brown et al., 2007; Sedlmeier et al., 2012). Several experiments have been carried out in the neurological scientific field aimed at measuring how mindfulness affects cognition, emotions, behavior and, in general, the physiology of the brain. The results showed that mindfulness improves attentional skills and develops the ability to address the experiences we live in the present with awareness, openness and acceptance (Chiesa et al., 2011; Lutz et al., 2008; Tang et al., 2015 ). It has also been shown that the following benefits derive from these abilities (Good et al., 2016):

  • increase in emotional self-regulation and the ability to manage stress,
  • increase in self-awareness and perception of self-efficacy,
  • increased cognitive ability and flexibility, development of metacognitive skills,
  • increase in self-regulation in behaviors and reduction in the automation of responses,
  • increased neuroplasticity and slowing down of brain aging.

These benefits can be used in different areas: in well-being and spiritual research, in the workplace and organizations by increasing individual performance and collective performance that improves interpersonal relationships,  and finally in education by increasing learning ability and academic performance .

With regards to the business environment, there are many publications in the literature that analyze the benefits of introducing mindfulness in this field. The study of mindfulness has, in this case, crossed over into the study of organizations and collective systems in the field of social psychology. They have given rise to two intersecting dimensions of investigation: individual mindfulness and collective mindfulness. The latter, also called organizational mindfulness, linked to the social aspects of organizations delineates an organization of highly reliable individuals capable of being aware of significant details and mistakes made and having a quick reaction ability based on shared knowledge and freedom of action on what is observed (Sutcliffe et al., 2016). In the paper of Sutcliffe, Vogus, and Dane (2016), it is underlined how mindfulness for employees is associated with lower turnover rates, and how for the company it is positively correlated with healthy organizational results including greater customer satisfaction; more effective allocation of resources; greater innovation and improvement of the quality of products and processes, safety and reliability. The authors note that these effects are most commonly observed in particularly challenging contexts characterized by complexity, dynamism and intolerance of errors. In another recent review by Good and colleagues (Good et al., 2016), they analyze various contributions from the literature on the use of mindfulness-based training in companies, highlighting the measured benefits regarding performance, social relationships and well-being within companies. With regards to performance, benefits were highlighted both in the job performance aspects related to the performance of ordinary work, and in the task performance aspects related to goal-oriented contexts, also in the safety performance for complex and dangerous jobs (control rooms). Regarding social relationships in the workplace, benefits were highlighted in the quality of communication, conflict management, leadership and team work. In particular, with regards to leadership, there are several contributions that describe how mindfulness can increase creative ability, strategic thinking, crucial aspects for transformational leadership (e.g. Good et al., 2016; Kets de Vries, 2015). In addition it should be remembered that in the management field there are several important contributions given by the Harvard professor Ellen Langer (Langer & Moldoveanu, 2000) who, with a socio-cognitive approach, has been able to experience how a mindfulness state develops flexible thoughts that generate a greater sensitivity to the context in which one acts by creating new conceptual categories, opening up to new information and to the awareness that there are more perspectives for solving problems.

With regards to the academic context, in the last two decades short courses based on mindfulness have been introduced in universities and the benefits in terms of well-being, learning effectiveness and achievement of academic objectives have been measured. In particular, it has been highlighted that meditation practice improves the regulation of emotions involved in learning and exam performance, the regulation of attention, self-awareness, improves cognitive and metacognitive processes that may be relevant for learning effective (Hassed & Chambers, 2014; Palmer et al., 2010; Schonert-Reichl, 2016; Shapiro et al., 2011; Zajonc, 2013). Furthermore, mindfulness develops flexible thinking, helps to create new conceptual categories and opens up to multiple perspectives for problem solving (Langer, 1997). In a recent review article McConville and colleagues (McConville et al., 2017) analyze 29 articles, out of a sample of 5355 candidates, that deal with experiments carried out at universities of medicine and health sciences that evaluate the effects of mindfulness-based interventions on learning and well-being of students. In the conclusions, it has been stated that mindfulness-based interventions decrease stress, anxiety and depression and improve mood, self-efficacy and empathy; they also improve study skills, memory functions, cognitive performance and academic performance. In another recent review article Bamber & Morpeth (Bamber & Morpeth, 2019) analyze 25 works, on a sample of 1492 articles published in recent years, which evaluate the effectiveness of mindfulness in managing anxiety in university settings. The authors found that mindfulness-based interventions reduce anxiety in college students significantly. All this being said, it is not surprising that mindfulness-based training has been introduced permanently to several universities around the world. In some cases mindfulness-based training has been used in curricular courses, such as in the case described by Kuechler, & Stedham (Kuechler & Stedham, 2018), in which mindfulness practice has been used in MBA courses in order to emphasize transformational effects of learning very useful in management courses where a great ability to transform one’s way of perceiving things and solutions is required. In fact, a creative approach to problem solving and a developed awareness of one’s own and others’ perspectives and a reduced resistance to new ways of seeing and doing things are required. Other interesting examples of the use of mindfulness in academic courses can be found as described in the article by Mirabai Bush (Bush, 2011); two interesting reference books of mindfulness in education are the books by Arthur Zajonc and Parker Palmer (Palmer et al., 2010; Zajonc, 2013).

 

Diffusion in the West and experiences in the world

Thanks to its benefits briefly described above, mindfulness spread in the West initially in the 1980s, in the clinical context because of the MBSR (Mindful Based Stress Reduction) protocol proposed by Jon Kabat Zinn in 1979 (Kabat-Zinn, 2003) for the reduction of stress in terminally ill patients. This protocol, structured into eight meetings of about two hours, instructs the participants in meditative practice and the development of a conscious attitude in daily activities, such as in the consumption of meals. The fact that this training has been codified in a protocol has contributed to the spread of the MBSR, as well as in the hospital setting, in other institutional areas such as business and university, where it has proved convenient to use standardized procedures.

Unlike the organizational-institutional environment, the private context of personal growth and development finds a myriad of different offers of meditative practices. The offers differ in terms of duration, course structure and inspiration, the latter can be more or less oriented towards Buddhism. With regards to mindfulness there are MBSR courses and other differently structured courses offered by specialized centers. The goals of the individuals are mostly related to the improvement of the quality of their life, therefore to the reduction of stress and anxiety, to the increase of cognitive abilities, to the achievement of a positive and peaceful state of mind.

As for the business context, compared to the MBSR which consists of 8 meetings, the interventions tend to be shorter (from a few hours to six weeks), but still include the exercises used in the MBSR, such as awareness in eating or observing the body detecting the various sensations that may be present. As we have already said, in companies the individual dimension intersects – which develops attention, concentration, focus on the task, learning, reflexivity, lateral thinking, optimal use of one’s resources – and the collective dimension – in which performance is improved, greater customer satisfaction is pursued, resources are allocated more effectively, innovation and quality, safety and reliability are facilitated. These two dimensions are enhanced both individually with training aimed towards the individual, and with training aimed at teams and work groups. Many large multinationals have adopted mindfulness-based courses for employees in order to increase well-being, productivity and job satisfaction, and  to create more effective leadership. Google, is renowned for it’s use of mindfulness, introduced by Chade-Meng Tan who since 2007 has trained about 2000 employees in mindfulness; but also the experience at General Mills  led by Janice Marturano who later founded the Institute for Mindful Leadership (https://instituteformindfulleadership.org/). In addition to the aforementioned, there are other important agencies that offer mindfulness services such as the famous Search Inside Yourself Leadership Institute (https://siyli.org/programs) (Hyland et al., 2015).

As for the academic world, thanks to the benefits described in the previous paragraph, there are many cases of short mindfulness courses introduced in universities around the world, especially the Anglo-Saxon one, and mindfulness-based training courses introduced permanently in several universities in Worldwide. In particular, for example, in (Bush, 2011) are those reported in the United States, where meditative practices are introduced as training tools in ordinary university courses and, in the aforementioned Kuecher and Stedham (Kuechler & Stedham, 2018 ) mindfulness has been incorporated into an MBA course to encourage transformational learning. These experiences are corroborated by a large literature which underlines the importance of introducing contemplative practices such as mindfulness in learning contexts (Palmer et al., 2010; Schonert-Reichl, 2016; Shapiro et al., 2011; Zajonc, 2013) . Furthermore, it must be said that in many renowned universities, such as the prestigious Harvard University (wellness.huhs.harvard.edu/Mindfulness) or the University of Oxford (oxfordmindfulness.org), permanent mindfulness training is often offered, many times within wellness service centers, where students can learn how to manage anxiety and stress. In Italy there are no centers predisposed for teaching mindfulness in universities, however a significant experience has been made with students of the Management Engineering course of the Polytechnic School of Basic Sciences of the University of Naples Federico II with the MEL Unina course conducted by the author of this article (www.mel-met.com). The MEL course has been held regularly every year since 2016 and has been evaluated for its effectiveness in a recently published work (Corti & Gelati, 2020).

 

Mindfulness measures

There are several tools for measuring mindfulness used in literature in the various areas of use, but in particular in the academic contexts and in business environment. These are self-reported questionnaires that measure the mindfulness states achieved during meditation practice and the mindfulness traits of the personality. Regarding states of mindfulness we mention the Toronto Mindfulness Scale (TMS) (Lau et al., 2006). With regards to the measure of personality traits, we mention the most important: the Five Facet Mindfulness Questionnaire (FFMQ) (Baer et al., 2006) and the Mindfulness Attention Awareness Scale (MAAS) (Brown & Ryan, 2003) validated in Italy by Veneziani et al., (Veneziani & Voci, 2015). We used this last questionnaire in a recent publication on IJERPH in which we assessed the effectiveness of the use of mindfulness in universities, finding an increase in MAAS values following the mindfulness-based intervention (Corti & Gelati, 2020) . 

 

 

 

Introduzione alla Mindfulness

 

Il termine mindfulness, nella cultura occidentale, indica una pratica meditativa e, più in generale, una certa attitudine, centrata sulla consapevolezza, nello svolgimento delle attività quotidiane e finanche un tratto della personalità. Possiamo sentir dire “faccio la mindfulness” intendendo che pratichiamo la meditazione; oppure “mangio mindful” o “cammino mindful” (in inglese si parla di “mindful eating” e “mindful walking”) volendo indicare una certa attitudine nello svolgimento di attività della vita ordinaria; oppure infine “sono mindful” volendo indicare un tratto della personalità. Ciò vuol dire che nell’accezione comune diffusa in occidente la mindfulness consta di un duplice aspetto: quello psicologico legato ad un modo di essere, e quello pratico legato alla meditazione. Ma con uno studio più approfondito della letteratura specifica possiamo scoprire che con “mindfulness” si intende più propriamente una facoltà della mente legata alla consapevolezza piuttosto che una pratica meditativa, la quale serve a sviluppare tale facoltà. Per indicare la pratica meditativa vera e propria possiamo utilizzare il termine “meditazione mindfulness”.

La mindfulness e la meditazione mindfulness sono arrivate in occidente in diversi modi. Già nel 1800 alcuni studiosi occidentali, grazie alle politiche coloniali rivolte all’Asia, si sono interessati allo studio delle culture e delle religioni asiatiche ed in particolare allo studio del Buddhismo. La parola mindfulness è la traduzione della parola Pāli, sati. Fu Thomas W. Rhys Davids (1843-1922), orientalista e fondatore della Pāli Text Society che, nella traduzione in inglese di antichi testi buddhisti scritti in lingua Pāli, per primo utilizzò il termine “mindfulness” per tradurre la parola sati (Gethin, 2011). In realtà mindfulness, in inglese, significa ricordare piuttosto che essere consapevoli, per quest’ultimo concetto si può utilizzare più propriamente la parola awareness. Tuttavia, l’aspetto del ricordare del termine mindfulness riesce a descrivere propriamente l’atteggiamento di sati che è quello di ricordarci di essere consapevoli verso quello che c’è nel momento presente, lasciando andare tutto ciò che la nostra mente evoca dal passato e prevede del futuro.

Mindfulness è dunque una facoltà della mente basata sulla consapevolezza che possiamo attivare attraverso il portare attenzione al processo dell’esperienza psico-corporea così come si svolge attimo dopo attimo. L’oggetto a cui rivolgiamo l’attenzione per poi divenirne consapevoli, è il corpo e, quando avanziamo nella pratica, le emozioni e la mente stessa. Ai principianti si propone di mettere attenzione al respiro e alle sensazioni che questo desta nel corpo e poi al corpo, alle sue varie parti cercando di incontrare sensazioni come calore, formicolio, tensione. Un ulteriore passo nel percorso della pratica può essere fatto aggiungendo l’osservazione del tono delle nostre sensazioni: la loro piacevolezza o spiacevolezza, oppure la loro neutralità. Con l’avanzare della pratica meditativa possiamo rivolgerci agli stati della mente, alle emozioni e ai contenuti della mente come pensieri e immagini.

La consapevolezza che vuole la mindfulness necessità di essere risvegliata in una mente che si trova in uno stato caratterizzato da alcune qualità. Queste vanno sviluppate attraverso la pratica stessa e attraverso un modo di vivere appropriato. Cercheremo allora di coltivare una mente aperta perché vuole osservare tutto quello che c’è da osservare, recettiva perché vuole accogliere tutto quello che c’è da accogliere, lucida perché vuole osservare con precisione e chiarezza ciò che c’è nell’esperienza del momento presente, intuitiva perché non vuole dare spazio alla discorsività razionale dei pensieri che ci distraggono dal rilevare le cose così come sono realmente, non-giudicante perché non vuole interagire con ciò che osserva rimanendo imparziale sia nei confronti di ciò che è piacevole che di ciò che è spiacevole, partecipe perché vuole incontrare con gentilezza ciò che osserva, stabile perché non vuole disperdere energia in inefficaci distrazioni, saggia perché vuole discriminare ciò che è salutare per noi da ciò che non lo è. Oltre a questi aspetti molto importanti possiamo predisporre il nostro essere a sostenere la nostra pratica essendo pazienti, dediti, impegnati e allo stesso tempo coltivando un animo ardente, motivato con passione a percorrere il cammino di sviluppo spirituale, lasciando che si faccia lentamente spazio la curiosità che ci spinge verso quell’osservazione costate e continua della realtà così come essa è.

Oltre ad assumere queste qualità, la consapevolezza ha bisogno di lavorare insieme ad altre facoltà della mente. Abbiamo già accennato al ruolo dell’attenzione che serve per selezionare ciò di cui vogliamo divenire consapevoli. Oltre a questo aspetto attentivo, è necessario aggiungere un aspetto conoscitivo. La consapevolezza mindful vuole investigare i fenomeni che osserva e vuole comprenderne la loro natura. Secondo la visione buddhista la natura di tutti i fenomeni è caratterizzata dalla loro mutevolezza e impermanenza e tutti coloro che pensano di essere agenti che condizionano e controllano tali fenomeni vivono di un’illusione poiché la loro natura, di agenti, è senza sostanza. Riuscire a sperimentare la conoscenza, intuitiva piuttosto che razionale, di questi due aspetti conduce alla liberazione dalla sofferenza. Senza questo aspetto conoscitivo, la pratica della meditazione mindfulness porterà sicuramente dei giovamenti quali una maggiore calma e concentrazione, ma non porterà benefici di tipo trasformativo capaci di assottigliare le nostre afflizioni.

 

In cerca di una definizione

La letteratura esistente che si occupa di studiare la mindfulness è piuttosto eterogenea. Si passa dalla letteratura buddhista alla letteratura scientifica occidentale attraverso uno spettro di contributi. La letteratura buddhista moderna si dedica ad elaborare e commentare gli antichi testi buddhisti. Al contrario la letteratura scientifica occidentale cerca di dimostrare, con studi di tipo sperimentale, l’azione della mindfulness sulla mente in ambito psicologico e sul cervello in ambito neurologico. Questo approccio ha spesso scarnificato la ricchezza contenuta negli antichi insegnamenti buddhisti ma allo stesso tempo in qualche modo, vedi ad esempio (Kabat-Zinn, 2011),  ha permesso la penetrazione della mindfulness nella cultura occidentale. Sono molti gli studiosi che esortano ad una maggiore integrazione tra l’antica tradizione buddhista e la scienza occidentale, ad esempio Van Gordon e Shonin (Van Gordon et al., 2015). Tale integrazione porterebbe una maggiore completezza e profondità agli interventi sulla mindfulness proposti in occidente in vari contesti come quello del well-being, quello educativo e quello aziendale.

Prendendo in esame la letteratura esistente, si può riconoscere che non esiste un’unica e condivisa definizione di mindfulness. Esistono diversi recenti lavori in letteratura che hanno messo in evidenza questa mancanza, ad esempio (Bodhi, 2011; Chiesa, 2013; Lutz et al., 2015) ed hanno sottolineato che la difficoltà deriva dal fatto che il significato e l’operatività della mindfulness è stata mutuata da insegnamenti spesso non coerenti tra loro appartenenti ad una cultura lontana dalla nostra e, per di più, espressi in una lingua difficile da tradurre. In questo processo di trasferimento e traduzione si è spesso perso qualcosa e si è creata confusione. Cercando qui e là in letteratura è possibile rintracciarne diverse definizioni che in qualche modo si sovrappongono e si completano. Nel seguito eccone alcune (per una lista più esaustiva si consulti (Khoury et al., 2017).

Ecco due definizioni da parte di Maestri buddhisti contemporanei: mindfulness è “memoria e lucida consapevolezza degli avvenimenti che accadono nel presente” dello studioso monaco Theravada Bhikkhu Bodhi (Bodhi, 2011, pag. 25) (mia traduzione) e anche mindfulness è “mantenere la propria coscienza viva sulla realtà del presente” del maestro Zen Thich Nhat Hanh (Hanh, 1992a, pag. 11).

Mindfulness è “la consapevolezza che emerge dal prestare attenzione di proposito, nel momento presente e in maniera non giudicante, al fluire dell’esperienza, momento dopo momento”  di Jon Kabat-Zinn, inventore del protocollo MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction) introdotto alla fine degli anni ’70 (Kabat‐Zinn, 2003, pag. 145) (mia traduzione). Un’altra nota definizione è quella degli psicologi Brown e Ryan: mindfulness è “un attenzione ricettiva e una consapevolezza degli eventi e delle esperienze del momento presente” aggiungendo poi che “è caratterizzata da qualità tra cui ricettività, chiarezza, stabilità/continuità, flessibilità e consapevolezza non concettuale” (Brown et al., 2007, pag. 112) (mia traduzione).

Infine un’altra interessante definizione viene dalla psicologa Ellen Langer della Harvard University che ha concepito una teoria “laica” sulla mindfulness priva di riferimento al Buddhismo: mindfulness è “la creazione di nuove categorie, l’apertura a nuove informazioni, e la consapevolezza di molteplici prospettive” (Langer & Moldoveanu, 2000, pag. 2) (mia traduzione).

Da queste definizioni si evincono diversi aspetti che caratterizzano la mindfulness che in parte ho già descritto sopra. Possiamo notare che vi è sempre un riferimento all’attenzione. Questa è una facoltà della mente che serve a selezionare l’oggetto a cui indirizzare le altre attività cognitive della mente. Ad esempio, se devo risolvere un problema di matematica rivolgo l’attenzione alla sua formulazione così da consentire al pensiero cognitivo razionale di eseguire i calcoli necessari a risolvere il problema. Ebbene questa facoltà della mente è necessaria alla mindfulness perché prepara il terreno al suo instaurarsi. Rivolgendo l’attenzione al respiro, ad esempio, preparo la mente ad essere raccolta, calma, malleabile e, facendo in questo modo, lascio che la consapevolezza osservi ciò che c’è da osservare, in questo caso il respiro. L’attenzione consente alla consapevolezza di incontrare il respiro e rimanere in contatto con esso. Un altro aspetto che emerge dalle definizioni è il richiamo al momento presente, al tanto citato “qui ed ora”. Perché è solo nel momento presente che possiamo osservare quello che veramente c’è dentro o fuori di noi. Ogni volta che ci rivolgiamo al passato o al futuro lasciamo che la nostra interpretazione alteri la nostra visione delle cose perché possiamo stare nel passato o nel futuro solo attraverso la nostra mente che ricorda o che immagina. Al contrario cerchiamo con la consapevolezza mindful di osservare le cose per quelle che sono realmente entrando in contatto con esse nella maniera più diretta e immediata possibile e il più possibile scevri di ogni interpretazione condizionata dall’attrazione e repulsione che genera in noi in contatto con la esperienza delle cose.

Oltre a quello che ho descritto sopra, bisognerebbe aggiungere altri aspetti, legati alla mindfulness, che si possono trovare descritti nella letteratura buddhista contemporanea e che spesso vengono trascurati nei contesti occidentali (Chiesa, 2013; Gethin, 2011; Lomas, 2017). Mindfulness è la traduzione del termine Pāli sati che negli antichi testi buddhisti è incastonato in una complessa struttura semantica. Il suo significato è cangiante ed, in più, tale termine è accompagnato da altri che ne arricchiscono il significato. Entriamo in contatto con l’“oggetto” di contemplazione meditativa grazie all’attenzione, lo osserviamo con la consapevolezza e poi lo investighiamo e lo comprendiamo per ciò che realmente è. Legati a questi aspetti conoscitivi ci sono aspetti che riguardano l’etica e che dovrebbero plasmare i nostri comportamenti rendendoci abili nel rendere la pratica meditativa efficace e sostenendoci nel cammino verso la liberazione dalla sofferenza. Questi aspetti conferiscono alla mindfulness una qualità di saggezza: la mindfulness vuole riconoscere, attraverso l’investigazione e il discernimento, ciò che è salutare per noi e ciò che non lo è. L’aspetto etico della mindfulness è stato trascurato in occidente sia nei contesti clinici che in quelli non clinici del well-being dove si è preferito dare rilievo agli aspetti tesi a migliorare la performance mentale piuttosto che a quelli che favoriscono un processo trasformazionale dell’individuo verso la liberazione dalla sofferenza.

 

Come si pratica

La facoltà della mente che abbiamo chiamato mindfulness la si allena con la pratica meditativa. Le istruzioni da seguire derivano da una pratica sviluppata nel Buddhismo. In due fondamentali discorsi trascritti in lingua Pāli, l’Anapanasati Sutta (Hanh, 1994; Sucitto, 2000, 2002), e il Satipatthana Sutta  (Anālayo, 2018; Goldstein, 2016; Hanh, 1992b), il Buddha ci descrive una pratica meditativa che consiste nell’orientare con consapevolezza l’attenzione verso ciò che possiamo percepire nel momento presente nel nostro corpo (calore, dolore, vibrazioni, ….), verso il tipo di sensazioni  (piacevole, spiacevole e neutra) generate dalle percezioni osservate nel corpo, verso gli stati della mente (torpore mentale, chiarezza, agitazione ….), e verso gli “oggetti mentali” (pensieri discorsivi, concetti, immagini ….). La pratica meditativa mindfulness consiste nel dedicare un periodo di tempo stabilito, durante il quale si chiuderanno gli occhi, a rivolgere l’attenzione inizialmente al proprio respiro naturale e alle sensazioni che questo genera nel corpo (Hanh, 1992a; Kabat-Zinn, 1997). Durante la pratica si assumerà una posizione comoda garantendo che la schiena sia eretta, possiamo scegliere un cuscino da posizionare a terra sedendoci a gambe incrociate, oppure più agevolmente una sedia. Il respiro è un modo semplice e potente di allenare la nostra capacità di prestare un’attenzione focalizzata su qualcosa di stabilito e di essere consapevoli dei processi, in questo caso legati al respiro, che si compiono nello svolgersi del tempo. Quando l’attenzione e la consapevolezza del respiro si è stabilizzata, possiamo passare ad esaminare il corpo osservando le sensazioni che si incontrano via via che si passano in rassegna le varie parti del corpo, come le sensazioni termiche di calore o freddo e come quelle meccaniche di tensioni, formicolii, vibrazioni. Possiamo osservare una parte del corpo alla volta utilizzando un’attenzione focalizzata oppure allargare il campo di osservazione all’intero corpo, il corpo che respira. Con l’avanzare della pratica e con l’acquisizione di una certa maestria, possiamo impegnarci a rilevare il tono delle sensazioni che incontriamo nel corpo, se piacevoli, spiacevoli o neutre potendo riconoscere l’intenzione che sorge di trattenere ciò che ci piace, allontanare ciò che non ci piace e rimanere indifferenti a ciò che percepiamo come neutro. Infine, possiamo passare ad esaminare la mente. In questo caso accadrà che la consapevolezza, facoltà della mente, osserva la mente stessa. Questo ci può portare ad un certo smarrimento poiché non siamo abituati ad osservare la nostra stessa mente. Ma cosa osserveremo della nostra mente? Innanzitutto la consapevolezza stessa, grazie alla capacità che abbiamo di essere consapevoli di essere consapevoli. Grazie ancora alle nostre capacità meta-cognitive, potremo osservare la qualità del nostro stato mentale – forse c’è sonnolenza, forse c’è distrazione, forse c’è calma – e poi, includendo gli aspetti affettivi, potremo chiederci “come mi sento?”, ed aspettare una risposta che descriva lo stato d’animo che alberga in noi nel momento presente. Esiste una differenza tra stato mentale e stato emotivo anche se la “sede” delle emozioni è ancora la mente, ma una mente che è “mente-cuore”. Una volta indagato lo scenario dell’essere, possiamo rivolgerci ai contenuti della mente e quindi ai pensieri, alle immagini, ai ricordi, alle intenzioni, e ancora alle emozioni che attraversano il campo di osservazione della consapevolezza. Ne osserviamo la mutevolezza e l’impermanenza e il loro esistere indipendente dalla nostra volontà. Accade quindi che si manifesti la possibilità di fare un passo indietro osservando quello che sorge via via nella mente come se fosse altro da me e ciò ci pacifica, alleggerendo la morsa delle nostre afflizioni.

Quando meditiamo intenzionalmente sul respiro, sul corpo, sulla mente e sui contenuti della mente l’attenzione è focalizzata su un campo specifico delimitato. In questo caso, quando sorgono pensieri, immagini, ricordi e in generale qualsiasi formazione mentale, e ciò è inevitabile, occorre riportare l’attenzione all’oggetto meditativo, in maniera gentile, cercando di non giudicare sé stessi per essersi distratti. Anche quando la distrazione deriva da emozioni che sorgono inattese o già presenti dall’inizio della pratica, l’indicazione è quella di diventare testimoni che osservano il loro nascere, svilupparsi e cessare, cogliendone le sfumature, il mutare e il loro incarnarsi sotto forma di sensazioni corporee. Cercheremo dunque di accettare in modalità non giudicante ed equanime le “distrazioni” e quando possibile torneremo a rivolgere l’attenzione alle sensazioni connesse al respiro o agli altri oggetti che abbiamo scelto da osservare. Le formazioni mentali che sorgono durante la pratica meditativa distolgono la mente dalla messa a fuoco sull’oggetto che stiamo contemplando in meditazione, ad esempio il respiro, e, per ritornare all’oggetto di focalizzazione, è necessario compiere tre passaggi: il primo è accorgersi di essersi distratti, il secondo è “lasciare andare” ciò che ci ha distratto, il terzo è ricentrare la focalizzazione sull’oggetto meditativo. Le numerose ripetizioni di questo processo ciclico esperite durante la pratica meditativa “allenano” la capacità attentiva di focalizzazione su un oggetto definito e la capacità di monitorare, con accettazione non giudicante ed equanime, gli eventi esterni e le formazioni mentali che si presentano nel momento presente (Lutz, Slagter., Dunne, & Davidson, 2008). La pratica meditativa consiste proprio nel ripetere innumerevoli volte questo ritornare al respiro o alle sensazioni fisiche o, in generale, all’oggetto di meditazione. Questo training sviluppa immediati benefici quali la capacità di regolare l’attenzione e le emozioni e un aumento della consapevolezza. Inoltre, durante la meditazione potremo sperimentare “stati di assorbimento” pacificatori e calmanti che naturalmente generano benessere psicologico anche quando lasciamo la pratica formale per vivere il quotidiano, riuscendo ad essere più disponibili, più pazienti, più accoglienti.

Esiste una versione della pratica formale che consiste nella cosiddetta “camminata consapevole”, cankama in lingua Pāli. In questa pratica, ritenuta molto potente dalla tradizione meditativa Buddhista, si rivolge l’attenzione alle sensazioni generate dal movimento dei piedi e dal contatto di questi con la terra durante la camminata. In questo caso si cercherà di applicare al movimento dei piedi, la stessa focalizzazione attentiva che si cerca di applicare al respiro nella “pratica seduta”. I benefici della cankama sono legati al fatto che in questo caso rivolgiamo l’attenzione ad una attività ordinaria come quella del camminare e ciò ci allena a portare la mindfulness nelle attività del vivere quotidiano.

Oltre alla pratica che si focalizza su uno specifico oggetto come il respiro – che viene chiamata FA (Focus Attention) – esiste la possibilità di ampliare il campo di osservazione della consapevolezza aprendoci a tutto ciò che arriva alla nostra attenzione. In letteratura questa modalità, complementare a quella FA, vene chiamata Open Monitoring OM (Lutz et al., 2008; Tang et al., 2015). Nell’OM si include tutto ciò che arriva alla coscienza, senza tuttavia trattenere o respingere nulla, assecondando una modalità equanime di osservazione. È come se osservassimo un film nel quale accadono cose indipendenti dalla nostra volontà, ci saranno immagini, pensieri, sensazioni, suoni che si susseguono senza essere trattenuti o cacciati intenzionalmente. Possiamo tuttavia osservare le reazioni che internamente questo film genera in noi, ci saranno emozioni e sensazioni fisiche che forse ci indurranno a trattenere qualcosa o allontanare qualcos’altro. Dunque, in questo più o meno ampio campo di osservazione, potremo includere anche le nostre reazioni, le nostre tendenze, le nostre emozioni …. tutto scorrerà nel flusso della nostra coscienza e noi lo osserveremo. L’OM può risultare una modalità più complessa da praticare rispetto all’FA poiché potremmo facilmente sperimentare una sensazione di smarrimento trovandoci immersi in un torrente di coscienza continuo ed entropico che lambisce il nostro essere.

Praticare la mindfulness può essere fatto attraverso la meditazione formale e attraverso un vivere quotidiano consapevole. Nel secondo caso, si tratterà di prestare attenzione e rivolgere consapevolezza alle attività quotidiane, ad esempio al mangiare quando stiamo mangiando, al farci la doccia quando stiamo facendo la doccia. Ogni attività la possiamo svolgere in consapevolezza mindful in una modalità che si colloca su un continuum tra FA e OM. Posso lavare la verdura prima di cucinarla rivolgendo l’attenzione unicamente a questa azione oppure posso includere via via qualcos’altro come le emozioni che provo in questo momento, i pensieri che attraversano la mente, il suono dell’acqua. Esistono dunque momenti di pratica formale dove sediamo su un cuscino o camminiamo meditando e momenti di pratica “informale” che richiedono un certo tipo di attitudine verso le attività della vita. A questo duplice livello di pratica corrisponde l’uso dei termini: “stato mindfulness” e “tratto mindfulness” della personalità. Quando le persone si impegnano in un training basato sulla mindfulness si presume che la loro capacità di essere consapevoli durante la pratica meditativa aumenti e quindi ha senso rilevare lo “stato di mindfulness” che presumibilmente tende ad aumentare con il tempo. Inoltre, si presume che i risultati di tale pratica ripetuta nel tempo si traducano in qualcosa di più duraturo che riguarda la predisposizione ad essere consapevoli nella vita di tutti i giorni e cioè a sviluppare un “tratto mindfulness” della personalità. In altre parole, quando gli individui generano stati di consapevolezza più profondi durante la meditazione, sviluppano una maggiore tendenza a mostrare attitudini e comportamenti mentali anche al di fuori della meditazione, nel contesto della vita quotidiana. E questo ha mostrato di giovare alla salute psicologica dando diversi benefici come racconterò nel prossimo paragrafo.

 

I benefici

Molti contributi rintracciabili in letteratura scientifica occidentale hanno indagato i benefici ottenuti dall’uso della pratica della meditazione mindfulness e, più in generale, di uno stile di vita mindfulness (Brown et al., 2007; Sedlmeier et al., 2012). Diversi esperimenti sono stati realizzati in ambito scientifico neurologico volti a misurare come la mindfulness agisca sulla cognizione, le emozioni, il comportamento e, in generale, la fisiologia del cervello. I risultati hanno mostrato che la mindfulness migliora le capacità attentive e sviluppa la capacità di rivolgersi alle esperienze che viviamo nel presente con consapevolezza, apertura e accettazione (Chiesa et al., 2011; Lutz et al., 2008; Tang et al., 2015). È stato mostrato anche come da queste abilità derivino i seguenti benefici (Good et al., 2016):

  • aumento dell’autoregolazione emotiva e della capacità di gestire lo stress,
  • aumento della consapevolezza di Sé e della percezione di auto efficacia,
  • aumento della capacità e flessibilità cognitiva, sviluppo delle capacità metacognitive,
  • aumento dell’autoregolazione nei comportamenti e riduzione dell’automatismo delle risposte,
  • aumento della neuroplasticità e rallentamento dell’invecchiamento cerebrale.

Questi benefici possono essere utilizzati in diversi ambiti: in generale quello del well-being e quello spirituale, quello delle organizzazioni aumentando la performance individuale e la performance collettiva che migliora le relazioni interpersonali, quello dell’education aumentando la capacità di apprendimento e la performance accademica.

Per quanto riguarda l’ambito aziendale, esistono molte pubblicazioni in letteratura che analizzano i benefici dell’introduzione della mindfulness in questo campo. Lo studio della mindfulness si è, in questo caso, incrociato con lo studio delle organizzazioni e dei sistemi collettivi nell’ambito della psicologia sociale dando luogo a due dimensioni di indagine che si intersecano: la individual mindfulness e la collective mindfulness. Quest’ultima, chiamata anche organizational mindfulness, legata agli aspetti sociali delle organizzazioni delinea un’organizzazione di individui ad alta reliability capace di essere consapevole dei dettagli significativi e degli errori commessi ed avere una veloce capacità di reazione basata su una conoscenza condivisa e una libertà di azione su quello che si osserva (Sutcliffe et al., 2016). Nel lavoro di review di Sutcliffe, Vogus, e Dane (2016), si sottolinea come la mindfulness per i dipendenti sia associata a tassi di turnover più bassi, e come per l’azienda è positivamente correlata a risultati organizzativi salutari inclusi maggiore soddisfazione del cliente; allocazione più efficace delle risorse; maggiore innovazione e miglioramento della qualità dei prodotti e dei processi, della sicurezza e della affidabilità. Gli autori fanno notare che questi effetti sono più comunemente osservati in contesti particolarmente provanti caratterizzati da complessità, dinamismo e intolleranza agli errori. In un altro recente lavoro di review Good e colleghi (Good et al., 2016), analizzano diversi contributi della letteratura sull’impiego di training basati sulla mindfulness nelle aziende sottolineando i benefici misurati riguardo la performance, le relazioni sociali e il well-being all’interno delle aziende. Per quanto riguarda la performance sono stati evidenziati benefici sia negli aspetti di job performance relativi allo svolgimento del lavoro ordinario, sia negli aspetti di task performance relativi ai contesti goal-oriented, anche nella safety performance per lavori complessi e pericolosi (camere di controllo). Riguardo le relazioni sociali sul posto di lavoro, sono stati evidenziati benefici nella qualità della comunicazione, nella gestione dei conflitti, nella leadership e nel team work. In particolare, per quanto riguarda la leadership esistono diversi contributi che descrivono come la mindfulness possa incrementare la capacità creativa, il pensiero strategico, aspetti cruciali per una leadership trasformazionale (e.g. (Good et al., 2016; Kets de Vries, 2015). In aggiunta va ricordato che molti lavori pubblicati in ambito manageriale hanno come riferimento il contributo della professoressa di Harvard, Ellen Langer (Langer & Moldoveanu, 2000) che, con un approccio socio-cognitivo, ha potuto sperimentare, in più di un lavoro, come lo stato di mindfulness sviluppi un pensiero flessibile che genera una grande sensibilità al contesto in cui si agisce creando nuove categorie concettuali, aprendo a nuove informazioni e alla consapevolezza che ci sono più prospettive per la risoluzione dei problemi.

Per quanto riguarda l’ambito accademico, negli ultimi due decenni sono stati introdotti nelle università corsi brevi basati sulla mindfulness e sono stati misurati i benefici in termini di well-being, efficacia di apprendimento e raggiungimento di obiettivi accademici. In particolare, è stato evidenziato che la pratica meditativa migliora la regolazione delle emozioni coinvolte nell’apprendimento e nella performance d’esame, la regolazione dell’attenzione, la consapevolezza di sé, migliora i processi cognitivi e metacognitivi che possono essere rilevanti per un apprendimento efficace (Hassed & Chambers, 2014; Palmer et al., 2010; Schonert-Reichl, 2016; Shapiro et al., 2011; Zajonc, 2013). Inoltre, la mindfulness sviluppa un pensiero flessibile, aiuta a creare nuove categorie concettuali e si apre a più prospettive per la risoluzione dei problemi (Langer, 1997). In un articolo recente di review  McConville e colleghi (McConville et al., 2017) analizzano 29 articoli, su un campione di 5355 candidati, che trattano esperimenti compiuti presso università di medicina e scienze della salute che valutano gli effetti di interventi basati sulla mindfulness sull’apprendimento e il well-being degli studenti. Nelle conclusioni si può leggere che gli interventi basati sulla mindfulness diminuiscono lo stress, l’ansia e la depressione e migliorano lo stato d’animo, l’autoefficacia e l’empatia; inoltre migliorano le capacità di studio, le funzioni della memoria, le prestazioni cognitive e il rendimento accademico. In un altro articolo recente di review Bamber & Morpeth  (Bamber & Morpeth, 2019) analizzano 25 lavori, su un campione di 1492 articoli pubblicati negli ultimi anni, che valutano l’efficacia della mindfulness nella gestione dell’ansia nei contesti universitari. Gli autori hanno scoperto che gli interventi basati sulla mindfulness riducono l’ansia negli studenti universitari in maniera significativa. Tutto ciò detto, non ci sorprende che la formazione basata sulla mindfulness sia stata introdotta in modo permanente in diverse università in tutto il mondo. In alcuni casi il training basato sulla mindfulness è stato utilizzato nei corsi curriculari, come ad esempio nel caso descritto da Kuechler, & Stedham (Kuechler & Stedham, 2018), in cui la pratica mindfulness è stata impiegata in corsi MBA al fine di enfatizzare gli effetti trasformazionali dell’apprendimento molto utili nei corsi di management dove si richiede una grande capacità di trasformare il proprio modo di concepire le cose e le soluzioni. Si richiede, infatti, un approccio creativo al problem solving e una sviluppata consapevolezza delle proprie e altrui prospettive e una ridotta resistenza a nuovi modi di vedere e fare le cose. Altri interessanti esempi di impiego della mindfulness in corsi accademici è possibile trovarli descritti nell’articolo di Mirabai Bush (Bush, 2011); due interessanti testi di riferimento della mindfulness nell’educazione sono i libri di Arthur Zajonc e Parker Palmer (Palmer et al., 2010; Zajonc, 2013).

 

Diffusione in occidente ed esperienze nel mondo

Grazie ai suoi benefici sopra brevemente descritti, la mindfulness si è diffusa in Occidente inizialmente negli anni ’80, nel contesto clinico con il protocollo MBSR (Mindful Based Stress Reduction) proposto da Jon Kabat Zinn nel 1979 (Kabat‐Zinn, 2003) per la riduzione dello stress in malati terminali. Questo protocollo, strutturato in otto incontri di circa due ore istruisce i partecipanti alla pratica meditativa e allo sviluppo di un’attitudine consapevole nelle attività quotidiane, come ad esempio nel consumo dei pasti. Il fatto che questo training sia stato codificato in un protocollo ha contribuito alla diffusione dell’MBSR, oltre che in ambito ospedaliero, in altri ambiti istituzionali come quello aziendale e quello universitario, dove è risultato conveniente utilizzare procedure standardizzate.

A differenza degli ambiti organizzativo-istituzionali, l’ambito privato di crescita e sviluppo personale trova una miriade di diverse offerte di pratiche meditative. Le offerte si differenziano rispetto alla durata, alla struttura del corso e alla ispirazione, quest’ultima può essere più o meno orientata al Buddhismo. Per quanto riguarda la mindfulness esistono corsi di MBSR e altri corsi diversamente strutturati offerti da centri specializzati. Gli obiettivi dei singoli per lo più sono legati al miglioramento della qualità della propria vita, quindi alla riduzione dello stress e dell’ansia, all’incremento delle capacità cognitive, al conseguimento di uno stato d’animo positivo e pacificato.

Per quanto riguarda il contesto aziendale, rispetto al MBSR che dura 8 incontri, gli interventi tendono ad essere più brevi (da poche ore a sei settimane), ma includono comunque gli esercizi utilizzati nel MBSR, come la consapevolezza nel mangiare o l’osservazione del corpo, rilevando le varie sensazioni che potrebbero essere presenti. Come abbiamo già detto, nelle aziende si incrociano la dimensione individuale – che sviluppa l’attenzione, la concentrazione, la focalizzazione sul compito, l’apprendimento, la riflessività, il pensiero laterale, l’uso ottimale delle proprie risorse – e la dimensione collettiva –  in cui si migliora la performance, si persegue una maggiore soddisfazione del cliente, si allocano risorse in maniera è più efficace, si facilita l’innovazione e la qualità, sicurezza e affidabilità. Queste due dimensioni sono potenziate sia a livello individuale con training rivolti al singolo individuo, sia con training rivolti a team e gruppi di lavoro. Sono molte le grandi multinazionali che hanno adottato corsi basati sulla mindfulness rivolti ai dipendenti per accrescere il benessere, la produttività e la job satisfaction, e alla leadership per renderla più efficace. Rinomato è l’impiego della mindfulness in Google, introdotto da Chade-Meng Tan che dal 2007 ha formato circa 2000 dipendenti alla mindfulness; ma anche l’esperienza alla General Mills di Janice Marturano che ha in seguito fondato l’Institute for Mindful Leadership (https://instituteformindfulleadership.org/). Oltre a quello appena citato esistono altri importanti agenzie che offrono servizi di mindfulness come ad esempio il famoso Search Inside Yourself Leadership Institute (https://siyli.org/programs)  (Hyland et al., 2015).

Per quanto riguarda il mondo accademico, grazie ai benefici descritti nel precedente paragrafo, esistono tanti casi di corsi brevi di mindfulness introdotti nelle università di tutto il mondo, soprattutto quello anglosassone, e corsi di formazione basati sulla mindfulness introdotti in modo permanente in diverse università in tutto il mondo. In particolare, ad esempio, in (Bush, 2011) sono riportate alcune esperienze, distribuite negli Stati Uniti, dove le pratiche meditative sono introdotte come strumenti di formazione in corsi universitari ordinari e, nel già citato Kuecher e Stedham (Kuechler & Stedham, 2018) la mindfulness è stata incorporata in un corso MBA al fine di favorire l’apprendimento trasformazionale. Queste esperienza sono corroborate da un’ampia letteratura che sottolinea l’importanza di introdurre pratiche contemplative come la mindfulness in contesti di apprendimento (Palmer et al., 2010; Schonert-Reichl, 2016; Shapiro et al., 2011; Zajonc, 2013). Inoltre, va detto che in molte rinomate università, come ad esempio la prestigiosa università di Harvard (wellness.huhs.harvard.edu/Mindfulness) o l’Università di Oxford (oxfordmindfulness.org), viene offerto un addestramento permanente alla mindfulness, spesso all’interno di centri di servizi per il benessere, dove gli studenti possono imparare come gestire l’ansia e lo stress. In Italia non esistono centri predisposti all’insegnamento delle mindfulness nelle università, un’esperienza significativa è stata fatta con studenti del corso di Ingegneria Gestionale della Scuola Politecnica delle Scienze di Base della Università di Napoli Federico II con il corso MEL unina condotto dall’autrice di quest’articolo (www.mel-met.com/it). Il corso MEL si tiene regolarmente ogni anno dal 2016 ed è stato valutato per la sua efficacia in un lavoro recentemente pubblicato (Corti & Gelati, 2020).

 

Misure della Mindfulness

Esistono diversi strumenti di misura della mindfulness utilizzati in letteratura nei diversi ambiti di impiego, ma in particolare in ambito aziendale. Si tratta di questionari self-reported che misurano gli stati mindfulness raggiunti durante la pratica meditativa e i tratti mindfulness della personalità. Per quanto riguarda gli stati di mindfulness citiamo il Toronto Mindfulness Scale (TMS) (Lau et al., 2006). Per quanto riguarda la misura dei tratti di personalità citiamo i più importanti: il Five Facet Mindfulness Questionnaire (FFMQ) (Baer et al., 2006) e il Mindfulness Attention Awareness Scale (MAAS) (Brown & Ryan, 2003) validato in Italia da Veneziani et al., (Veneziani & Voci, 2015). Quest’ultimo questionario lo abbiamo utilizzato nel lavoro recente pubblicato su IJERPH in cui abbiamo valutato l’efficacia dell’uso della mindfulness nelle università, riscontrando un aumento dei valori del MAAS a valle dell’intervento basato sulla mindfulness (Corti & Gelati, 2020).

 

References

Anālayo, B. (2018). Sattipatthana: Il cammino diretto. Santacittarama Edizioni.

Baer, R. A., Smith, G. T., Hopkins, J., Krietemeyer, J., Toney, L., Baer, R. A., Smith, G. T., Hopkins, J., Krietemeyer, J., & Toney, L. (2006). Using Self-Report Assessment Methods to Explore Facets of Mindfulness. Assessment, 13(1), 27–45.

Bamber, M. D., & Morpeth, E. (2019). Effects of Mindfulness Meditation on College Student Anxiety: A Meta-Analysis. Mindfulness, 10(2), 203–214. https://doi.org/10.1007/s12671-018-0965-5

Bodhi, B. (2011). What does mindfulness really mean? A canonical perspective. Contemporary Buddhism, 12(1), 19–39. https://doi.org/10.1080/14639947.2011.564813

Brown, K. W., & Ryan, R. M. (2003). The benefits of being present: Mindfulness and its role in psychological well-being. Journal of personality and social psychology, 84(4), 822–848. https://doi.org/10.1037/0022-3514.84.4.822

Brown, K. W., Ryan, R. M., & Creswell, J. D. (2007). Mindfulness: Theoretical Foundations and Evidence for its Salutary Effects. Psychological Inquiry, 18(4), 211–237. https://doi.org/10.1080/10478400701598298

Bush, M. (2011). Mindfulness in higher education. Contemporary Buddhism, 12(1), 183–197. https://doi.org/10.1080/14639947.2011.564838

Chiesa, A. (2013). The Difficulty of Defining Mindfulness: Current Thought and Critical Issues. Mindfulness, 4(3), 255–268. https://doi.org/10.1007/s12671-012-0123-4

Chiesa, A., Calati, R., & Serretti, A. (2011). Does mindfulness training improve cognitive abilities? A systematic review of neuropsychological findings. Clinical Psychology Review, 31(3), 449–464. https://doi.org/10.1016/j.cpr.2010.11.003

Corti, L., & Gelati, C. (2020). Mindfulness and Coaching to Improve Learning Abilities in University Students: A Pilot Study. International Journal of Environmental Research and Public Health, 17(6), 1935. https://doi.org/10.3390/ijerph17061935

Gethin, R. (2011). On some definitions of mindfulness. Contemporary Buddhism, 12(1), 263–279. https://doi.org/10.1080/14639947.2011.564843

Goldstein, J. (2016). Mindfulness: Una guida pratica al risveglio. Astrolabio Ubaldini.

Good, D. J., Lyddy, C. J., Glomb, T. M., Bono, J. E., Brown, K. W., Duffy, M. K., Baer, R. A., Brewer, J. A., & Lazar, S. W. (2016). Contemplating Mindfulness at Work: An Integrative Review. Journal of Management, 42(1), 114–142. https://doi.org/10.1177/0149206315617003

Hanh, T. N. (1992a). Il miracolo della presenza mentale. Un manuale di meditazione. Astrolabio Ubaldini.

Hanh, T. N. (1992b). Trasformarsi e guarire. Il Sutra dei quattro fondamenti della consapevolezza. Astrolabio Ubaldini.

Hanh, T. N. (1994). Respira! Sei vivo. Appuntamento con la vita. Momento presente, momento meraviglioso. L’ordine dell’interessere. Astrolabio Ubaldini.

Hassed, D. C., & Chambers, D. R. (2014). Mindful Learning: Reduce stress and improve brain performance for effective learning. Exisle Publishing.

Hyland, P. K., Lee, R. A., & Mills, M. J. (2015). Mindfulness at Work: A New Approach to Improving Individual and Organizational Performance. Industrial and Organizational Psychology, 8(4), 576–602. https://doi.org/10.1017/iop.2015.41

Kabat-Zinn, J. (1997). Dovunque tu vada. Ci sei già. TEA.

Kabat‐Zinn, J. (2003). Mindfulness-Based Interventions in Context: Past, Present, and Future. Clinical Psychology: Science and Practice, 10(2), 144–156. https://doi.org/10.1093/clipsy.bpg016

Kabat-Zinn, J. (2011). Some reflections on the origins of MBSR, skillful means, and the trouble with maps. Contemporary Buddhism, 12(1), 281–306. https://doi.org/10.1080/14639947.2011.564844

Kets de Vries, M. (2015). Mindful leadership coaching. Percorsi verso una leadership consapevole. Ferrari Sinibaldi.

Khoury, B., Knäuper, B., Pagnini, F., Trent, N., Chiesa, A., & Carrière, K. (2017). Embodied Mindfulness. Mindfulness, 8(5), 1160–1171. https://doi.org/10.1007/s12671-017-0700-7

Kuechler, W., & Stedham, Y. (2018). Management Education and Transformational Learning: The Integration of Mindfulness in an MBA Course. Journal of Management Education, 42(1), 8–33. https://doi.org/10.1177/1052562917727797

Langer, E. J. (1997). The Power of Mindful Learning (1o ed.). Da Capo Lifelong Books.

Langer, E. J., & Moldoveanu, M. (2000). The Construct of Mindfulness. Journal of Social Issues, 56(1), 1–9. https://doi.org/10.1111/0022-4537.00148

Lau, M. A., Bishop, S. R., Segal, Z. V., Buis, T., Anderson, N. D., Carlson, L., Shapiro, S., Carmody, J., Abbey, S., & Devins, G. (2006). The toronto mindfulness scale: Development and validation. Journal of Clinical Psychology, 62(12), 1445–1467. https://doi.org/10.1002/jclp.20326

Lomas, T. (2017). Recontextualizing mindfulness: Theravada Buddhist perspectives on the ethical and spiritual dimensions of awareness. Psychology of Religion and Spirituality, 9(2), 209–219. https://doi.org/10.1037/rel0000080

Lutz, A., Jha, A. P., Dunne, J. D., & Saron, C. D. (2015). Investigating the Phenomenological Matrix of Mindfulness-related Practices from a Neurocognitive Perspective. The American psychologist, 70(7), 632–658. https://doi.org/10.1037/a0039585

Lutz, A., Slagter, H. A., Dunne, J. D., & Davidson, R. J. (2008). Attention regulation and monitoring in meditation. Trends in Cognitive Sciences, 12(4), 163–169. https://doi.org/10.1016/j.tics.2008.01.005

McConville, J., McAleer, R., & Hahne, A. (2017). Mindfulness Training for Health Profession Students—The Effect of Mindfulness Training on Psychological Well-Being, Learning and Clinical Performance of Health Professional Students: A Systematic Review of Randomized and Non-randomized Controlled Trials. EXPLORE, 13(1), 26–45. https://doi.org/10.1016/j.explore.2016.10.002

Palmer, P. J., Zajonc, A., & Scribner, M. (2010). The Heart of Higher Education: A Call to Renewal. John Wiley & Sons, Ltd.

Schonert-Reichl, K. (A c. Di). (2016). Handbook of mindfulness in education: Integrating theory and research into practice. Springer.

Sedlmeier, P., Eberth, J., Schwarz, M., Zimmermann, D., Haarig, F., Jaeger, S., & Kunze, S. (2012). The psychological effects of meditation: A meta-analysis. Psychological Bulletin, 138(6), 1139–1171. https://doi.org/10.1037/a0028168

Shapiro, S. L., Brown, K. W., & Astin, J. (2011). Toward the Integration of Meditation into Higher Education: A Review of Research Evidence. Teachers College Record, 113(3), 493–528.

Sucitto, A. (2000). Insegnamenti sulla pratica di Anapanasati (1). Ameco – Santacittarama.

Sucitto, A. (2002). Insegnamenti sulla pratica di Anapanasati (2). Ameco – Santacittarama.

Sutcliffe, K. M., Vogus, T. J., & Dane, E. (2016). Mindfulness in Organizations: A Cross-Level Review. Annual Review of Organizational Psychology and Organizational Behavior, 3(1), 55–81. https://doi.org/10.1146/annurev-orgpsych-041015-062531

Tang, Y.-Y., Hölzel, B. K., & Posner, M. I. (2015). The neuroscience of mindfulness meditation. Nature Reviews Neuroscience, 16(4), 213–225. https://doi.org/10.1038/nrn3916

Van Gordon, W., Shonin, E., Griffiths, M. D., & Singh, N. N. (2015). There is Only One Mindfulness: Why Science and Buddhism Need to Work Together. Mindfulness, 6(1), 49–56. https://doi.org/10.1007/s12671-014-0379-y

Veneziani, C. A., & Voci, A. (2015). The Italian Adaptation of the Mindful Awareness Attention Scale and its Relation with Individual Differences and Quality of Life Indexes. Mindfulness, 6(2), 373–381. https://doi.org/10.1007/s12671-013-0270-2

Zajonc, A. (2013). Contemplative Pedagogy: A Quiet Revolution in Higher Education. New Directions for Teaching and Learning. https://doi.org/10.1002/tl.20057