Practicing gratitude

Opportunità di pratica

Se vuoi praticare la meditazione Mindfulness con regolarità puoi partecipare a:

Incontri mindfulness online – ogni martedì sera (h 20 – 21:15) offro una meditazione guidata online e facilito uno spazio di condivisione. Se vuoi partecipare scrivimi una email o telefonami

Meditazione del mattino online – ogni venerdì mattina (h 7:20 – 8:00) offro una meditazione guidata online. Se vuoi partecipare scrivimi una email o telefonami

Offro un corso di pratica meditativa presso YogaMilan ogni giovedì sera h 20:00

Per misurare il proprio tratto Mindfulness della personalità si utilizzano vari strumenti. Uno piuttosto diffuso è il questionario self-report MAAS che misura la propria consapevolezza nell’eseguire le attività quotidiane: Questionario MAAS

(Confronta: Veneziani, C. A., & Voci, A. (2015). The Italian Adaptation of the Mindful Awareness Attention Scale and its Relation with Individual Differences and Quality of Life Indexes. Mindfulness, 6(2), 373–381. https://doi.org/10.1007/s12671-013-0270-2)

 

Meditazioni guidate

Ho cominciato a registrare queste meditazioni guidate perché alcune persone che seguono gli incontri e i corsi che facilito, sentendo il bisogno di praticare la meditazione nel quotidiano, mi hanno chiesto di poter disporre di una guida. Con gratitudine verso chi condivide con me questo percorso spirituale, ho offerto questo contributo che rispecchia la mia pratica personale in continuo sviluppo, illuminata dagli insegnamenti che ho l’onore di ricevere da alcuni Maestri monaci della tradizione Theravāda thailandese della foresta.

 

Meditazione sulle sensazioni del corpo (20 min) – 18 ottobre 2021

Meditazione FA e OM

In meditazione generalmente si passa da una prima fase iniziale in cui si allena la mente a indirizzare un’attenzione “sostenuta” su un oggetto-target specifico quale il respiro o le sensazioni tattili in una zona specifica e circoscritta del corpo, a una seconda fase dove si lascia che la mente rivolga l’osservazione a un campo più vasto che include tutto ciò che perviene alla coscienza eseguendo un monitoraggio non reattivo del contenuto dell’esperienza del momento. In un noto lavoro, Lutz e colleghi (Lutz et al., 2008) hanno descritto la prima modalità come un’attenzione focalizzata (FA – Focussed Attention) e la seconda modalità come un monitoraggio aperto all’esperienza multiforme del momento presente (OM – Open Monitoring).

Vedi articolo di Lutz e colleghi (2008).

Meditazione su FA (Focused Attention) e OM (Open Monitoring) (20 min) – 25 ottobre 2021

Meditazione breve – 8 novembre 2021 (6 min)

Meditazione sulle sensazioni piacevoli e spiacevoli (20 minuti) – 15 novembre 2021

Meditazione sulle emozioni – 22 novembre 2021 (20 min)

Meditazione sul lasciare andare (da Jack Kornfield*)  (15 min) – 11 gennaio 2022

*Kornfield, J. (2010). Il cuore saggio: Una guida agli insegnamenti universali della psicologia buddista. Corbaccio. P. 281.

Meditazione sui 5 impedimenti  (30 min) – 18 gennaio 2022

Durante la meditazione può accadere di essere ostacolati da alcuni stati mentali. Questi ci impediscono di calmare la mente rimanendo vigili e ciò ci impedisce di sviluppare saggezza attraverso la consapevolezza che vede e conosce la natura e le caratteristiche dei fenomeni che osserva. Gli stati mentali ostacolanti (detti Nīvarana negli antichi testi buddhisti pāli) sono caratterizzati da:

  • Desiderio sensoriale
  • Avversione sotto forma di rabbia, risentimento
  • Sonnolenza, torpore, ottundimento, offuscamento
  • Inquietudine, irrequietudine e preoccupazione
  • Dubbio e scetticismo, confusione e smarrimento

Per trattare questi impedimenti trasformandoli in occasioni di indagine introspettiva è necessario riconoscerne la presenza, prenderne le distanze e osservare il loro sviluppo e la loro natura transitoria e inconsistente e riconoscere che siano fonte di sofferenza.

Un primo passo è dunque saper riconoscere la presenza di questi stati mentali che non favoriscono la nostra pratica.

 

Meditazione sul lasciare andare  (36 min) – 29 marzo 2022

Quando lasciamo andare la presa liberiamo anche l’altro.